Svezia: Salmone in tutte le salse

Buffet SvedeseL’antica cucina svedese è caratterizzata da sapori estremamente gustosi, acidi e dolci, le spezie sono abbastanza usate soprattutto nella preparazione dei dolci, come ad esempio nei biscotti allo zenzero.
Data la conformazione del territorio vengono sfruttati molto pesca e allevamento. Tra le carni più pregiate cucinano alce e renna, ma anche maiale e vitello per tutti i giorni. Fuori dai confini sono molto famose le polpette di carne, meno apprezzata all’estero invece la variante a base di pesce.
Il pesce è il fondamento dell’alimentazione svedese, viene cucinato nei modi più svariati: cotto, marinato, affumicato, crudo e condito con diverse salse.
La Svezia è la patria di salmone e aringhe, ma indimenticabili anche i diversi tipi di caviale, principalmente quello della Lapponia. Il caviale è usato soprattutto per le feste e le ricorrenze, dal punto di vista nutrizionale contiene molte vitamine e proteine, è ricco di sodio e colesterolo, ma con un consumo limitato non crea problemi.
Per tradizione il salmone viene marinato in sale, zucchero, aneto e mistura di pepe bianco e nero, servito su pane nero e accompagnato con senape scandinava, preparata con olio, zucchero, salsa allo yogurt o panna montata e marmellata di ribes.
Il salmone viene però cucinato nei modi più diversi: può essere frullato con della pancetta, per creare delle polpette di pesce gustose; insieme a patate, uova e panna, si cucina un pasticcio di salmone dal gusto dolce e delicato; o a tocchi, nella zuppa con carote patate e panna.
Le aringhe vengono fermentate: si pescano in primavera nel Mar Baltico, si tengono sotto sale e si lasciano fermentare nella latta per un mese, appena la latta di gonfia e deforma le aringhe sono pronte per essere mangiate, dal gusto piccante e acido e l’aroma pungente.
Una ricetta gustosa della cucina tradizionale di tutti i giorni è il Gratin di pesce, solitamente preparato con il merluzzo, cotto con limone e aneto e servito con panna, purè di patate, gamberetti e parmigiano.
Le zuppe non mancano mai in una tavola svedese. Il martedì si prepara la Tisdagssoppe, a base di orzo, latte e patate; il giovedì è il turno dell’Arter Med Flask, con piselli gialli e maiale, ma molto gustosa è anche la Svampsoppa, una zuppa di funghi porcini. Molto particolare la Nyponsoppa, una zuppa dolce alla rosa, accompagnata da scaglie di mandorle.
Uno snack estivo molto amato è il Gubbrora, miscuglio fatto di sarde, tuorlo l’uovo, maionese o panna acida, cipolla aneto e Kalles Kaviar, un caviale da sandwich in tubetto, il tutto spalmato su pane nero di segale e burro o su uova sode.
Lo Smorgasbord è il tipico buffet svedese, ideale per le feste, con piatti freddi e caldi, accompagnati da acquavite. Spesso gli invitati portano una pietanza ciascuno. Il pesce è il piatto principale con salmoni e aringhe, ma abbondano anche polpette di renna, lingua salmistrata, patate e salsicce.

Federica Buccafusca

Laureata in Antropologia Culturale e specializzata nel settore alimentare. Blogger on the road, gira per il mondo in cerca dei sapori più tipici e particolari. Non si separa mai dalle sue lonelyplanet che la accompagnano e guidano nei suoi viaggi. Ama immergersi nella cultura in cui arriva per capire a fondo l’arte culinaria e le abitudini del posto.

3 years fa

1 Commento

  1. Scritto da giancarlo il 02/05/2014  17:35 Rispondi

    vista la composizione dei piatti, salmone escluso, comprendo l'uso dell'acquavite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le nostre esclusive ricette!