Calvisius: il miglior caviale al mondo viene prodotto nel bresciano

Calvisius_Caviar_Lounge_Royal_Oscietra_Caviar_on_ice_on_foodydirect

Pochi sanno che dalla lontana Russia, da qualche anno, precisamente dal 2013, importano caviale bresciano. Si, non è un abbaglio ma realtà: perchè i migliori storioni al mondo vengono allevati in Lombardia.

Ovunque, nel mondo, l’Italian Style è sinonimo di qualità. Dietro a un prodotto che si distingue per gusto, eleganza o unicità c’è spesso un italiano. Se poi alla creatività della «gens italica» si aggiunge lo spirito imprenditoriale, la tenacia e la serietà professionale tipica della «gens bresciana» il successo è assicurato.

Grazie a Calvisius e Ars Italica Calvisius, in Italia esiste da alcuni anni l’unico impianto di itticoltura al mondo in grado di allevare ben sette specie diverse di storione: agli albori del 2015, il brand noto in tutto il mondo, ha festeggiato con estrema soddisfazione la sua prima importante estrazione delle uova di storione Beluga, le quali necessitano di un periodo di attesa di oltre due decenni di allevamento per giungere ad un perfetto grado di maturazione, fattore determinante per la qualità del caviale.

La possibilità di estrarre le uova al momento migliore è uno dei numerosi fattori che hanno consentito a Calvisius di acquisire il grande vantaggio competitivo che ha a livello mondiale.

Questo caviale presenta una colorazione dal grigio chiaro al grigio scuro, lucida e brillante: il guscio dell’uovo è setoso, sottile e delicato. Il sapore è eccellente, morbido, cremoso e deciso, con una raffinata ma mediamente persistente nota di pesce di mare sul finale.

Lo storione, in particolare la razza Huso huso, è un pesce particolare, che può raggiungere una lunghezza massima di 8 metri e un peso superiore alle 1,5 tonnellate. Lo stabilimento di Calvisano dispone complessivamente di 30 ettari di vasche alimentate con acqua sorgiva, e di circa 2.300 metri quadrati per la trasformazione e la lavorazione finale del prodotto. Il controllo igienico-sanitario è curato assiduamente e in modo specifico. Caratteristica peculiare di questa storia iniziata negli Anni 70 grazie ad un gruppo di soci di un’acciaieria, è lo sfruttamento del connubio tra acqua e fuoco che ha permesso all’azienda di realizzare un impianto di acquacoltura unico nel suo genere.

7 anni fa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le nostre esclusive ricette!