Finger food di alici in tempura, al profumo di limone - Immagine alicifresche

  • Con una forbicina da pesce, delicatamente, staccare le teste alle alici e inciderle lungo la pancia fino alla coda.
  • Estrarre le interiora e aprendo delicatamente i pesci tirare via la lischetta fino alla coda.
  • A questo punti la lisca va spezzata proprio per lasciare la coda sia per un fattore scenico che per permettere al commensale di prendere il pesce proprio per la codina e realizzare un finger food.
  • Sciacquare le alici immergendole in una boule di acqua fredda, sempre molto delicatamente, e metterla ad asciugare.
  • Ricavare il succo da uno dei due limoni, tagliare l’altro a spicchietti, conservare quest’ultimo in frigo.
  • Tritare finissimo il prezzemolo fresco.
  • Tenere le alici in frigo.
  • Preparare la tempura servendosi prima di tutto di una ciotola freddissima di inox in cui avremo tenuto immerso del ghiaccio.
  • Unire le due farine e poi l’acqua minerale gasata sempre freddissima a filo, lavorando non eccessivamente il composto, fino a formare una pastella abbastanza densa.
  • Tenerla in frigo.
  • Scaldare l’olio che sarà pronto quando le gocce di tempura saliranno subito a galla.
  • Aggiungere un pò di gocce di succo di limone nella tempura.
  • Tuffare le alici una per volta nella pastella tenendole per la coda, poi immergerle nell’olio, pochissimi istanti, finchè non si sarà formata una panure dorata e croccante.
  • Disporre le alici su carta assorbente per fritture (anche se la tempura ha il privilegio di non assorbire molto olio).
  • Servire le alici caldissime, con gli spicchi di limone e il prezzemolo, magari nel classico “cuoppo”, ovvero il cono realizzato con la carta della frittura, così come si fa
  • nelle tradizionali friggitorie napoletane.

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le nostre esclusive ricette!