Il pesce azzurro

fish-dishLa denominazione di “pesce azzurro” non si riferisce ad un gruppo scientificamente definito di specie ittiche, ma è utilizzata commercialmente per indicare alcune varietà di pesci, generalmente di piccola pezzatura, di varia forma e sfumature di colorazione, il cui costo è generalmente ridotto per la grande quantità di pescato.  In genere si dicono azzurri quei pesci dalla colorazione dorsale blu scuro (ma spesso è presente anche un po’ di verde) e ventrale argentea. Il rapporto qualità/prezzo è decisamente buono.

Tra questi rientrano pesci come l’aguglia, l’alaccia, l’alice, la costardella, il lanzardo, il pesce sciabola, la sardina, il sugarello, lo sgombro. Inoltre possono essere considerati azzurri per la loro colorazione, anche molti pesci che, per dimensioni e forme, non hanno nulla in comune con “gli azzurri” più conosciuti. Tra questi troviamo l’alalunga, l’alletterato, il biso, la lampuga, la palamita, il pesce spada e il tonno.

Questa specie deteriora facilmente perché  ha un contenuto di grassi generalmente più elevato del pesce bianco, caratteristica che ha favorito la nascita di diversi metodi di conservazione e distribuzione, per esempio la conservazione sott’olio, sotto sale e la lavorazione in pasta. Dopo l’acquisto è consigliabile privare il pesce azzurro delle viscere, lavarlo e poi metterlo in frigorifero se destinato a un rapido consumo, oppure, in caso contrario, nel congelatore dove, comunque, non dovrebbe restare per più di tre mesi.

Il pesce azzurro ha grassi simili a quelli vegetali, caratterizzati cioè prevalentemente da composti “insaturi”, in particolare quelli della serie Omega-3 importanti per lo sviluppo cerebrale e protettori del cuore e delle arterie. Di questa prerogativa sono privi i grassi degli animali di terra, più ricchi di composti “saturi” che, al contrario, se consumati in eccesso, possono facilitare l’insorgenza di alcune malattie, spesso favorite da una vita sedentaria e da una dieta poco equilibrata ricca di calorie e colesterolo; quest’ultimo, invece, è contenuto solo in modeste quantità, salvo poche eccezioni, nei prodotti ittici.

7 anni fa

1 Commento

  1. Scritto da mariospoto@hotmail.it il 26/10/2013  15:16 Rispondi

    Salve, sarebbe molto interessante avere un elenco completo con nomi e FOTO del pesce azzurro (contenente omega3), ci siamo tanti ignoranti e spesso i nomi variano da una parte all'altra. Il Vs. elenco lascia un pò a desiderare manca il SAURO, quest'ultimo a livello alimentare è, a mio modesto parere, il re del pesce azzurro, massima digeribilità, dal gusto delicato ricchissimo di omega 3
    da segnalare la preparazione "chu l'agghiata" trad.: "con l'agliata". -- Tanto per la cronaca non mi prendete a male, apparte la svista avrei certamente molto da apprendere da Voi.
    cordiali saluti, mario spoto-CT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le nostre esclusive ricette!