Pesce e bambini: cosa fare durante lo svezzamento

Svezzamento-prime-pappe-pesce
Il pesce rappresenta un alimento molto prezioso per il neonato e non deve mancare fin dalle prime fasi di vita.
Costituisce la fonte primaria di grassi Omega-3, che l’organismo non è in grado di produrre da solo in quantità sufficienti e può assumerli solo attraverso l’alimentazione.
Gli Omega-3 sono importanti per la crescita e lo sviluppo delle attività cerebrali e del sistema nervoso del bambino, poichè sono componenti fondamentali della membrana cellulare, che diventa così più permeabile permettendo il buon funzionamento dei neuroni.
Inoltre, il pesce è ricco di proteine nobili e sali minerali (iodio, fosforo, ferro,selenio e zinco), indispensabili per il funzionamento della tiroide, la formazione dei globuli rossi, e vitamine A, B, D e K.
Dopo l’ottavo mese è indicato introdurre gradualmente il pesce nella dieta del neonato, preferendo inizialmente i pesci più magri come sogliola, nasello o merluzzo, aggiunti sotto forma di omogeneizzato alla pappa.
Verso i dieci mesi gli si può somministrare anche il branzino o l’orata, per poi passare entro l’anno a tutte le varietà di pesce.
Crostacei e molluschi, essendo prodotti allergizzanti, è meglio proporli solo dopo i 2 anni di età, perché possono dare origine ad intolleranze.

3 years fa

1 Commento

  1. Scritto da giordano il 12/10/2013  18:20 Rispondi

    sono sempre preferibili pesci pescati e non bentonici.........perche' il mercurio si deposita sul fondo.............ed assolutamente mai spada o tonno ............accumulano essendo longevi sostanze che possono danneggiare il sistema nervoso............ottima anche la trota (pesce indicatore di acque pulite ed ossigenate)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le nostre esclusive ricette!