Tartine con patè di ventresca e scampetti in tempura

Tartine finger food con patè di ventresca di tonno rosso di Favignana e scampetto in tempura di nocciole Mortarelle

Campania, Sicilia e Giappone si fondono per un aperitivo di altissima qualità dal sapore innovativo, tutto da scoprire. Conquistare il palato e lo sguardo di chi assaggerà non un semplice piatto ma la ricerca di una emozione. L'idea in questo caso è semplice, la preparazione lo è ancora di più, ma è la scelta a fare la differenza. Tante scuole di pensiero si fondono: la cucina campana con uno scampo freschissimo del Golfo di Napoli, la tradizione giapponese con la tempura, il meglio della produzione ittica siciliana con un patè di tonno rosso di Favignana, infine l'Irpinia con le splendide nocciole mortarelle. Il risultato è una tartina dal sapore che conquista, dove sul delicatissimo patè di un tonno che non ha termini di paragone si sposa uno scampo fresco e croccante fritto in una tempura aromatizzata alle nocciole. Un solo assaggio, un boccone per regalarsi un momento difficile da dimenticare.

tartine
tartine
0 stelle in base a 0 recensioni
Difficoltà:
Preparazione:
Cottura:
Ingredienti per 4 persone:
Pane in cassetta formato piccolo
Patè di ventresca di tonno rosso di Favignana
scampi freschi
nocciole mortarelle dell'Irpinia
acqua minerale
ghiaccio
nocciole mortarelle dell'Irpinia
olio extravergine Ravece della Valle Ufita
  • Per esaltare maggiormente il sapore freschissimo di una tartina finger food dove la qualità del pane deve essere altissima, bbiamo usato un patè di ventresca di tonno rosso di Favignana, profumato, delicato, dal sapore assolutamente non intenso.
  • Ci abbiamo aggiunto un cucchiaino di Ravece, l’olio extravergine della Valle Ufita (Irpinia), denso, giallo oro, leggermente piccantino al palato. Abbiamo lavorato questa crema in una ciotolina poi abbiamo l’abbiamo spalmata sul pane. Nel frattempo ci siamo dedicati a pulire gli scampi, anche questi freschissimi.
  • Li abbiamo tenuti da parte in frigo, il tempo di preparare una tempura come da tradizione in una ciotola di inox ghiacciata, usando un ottimo preparato al quale abbiamo aggiunto acqua gassata.
  • Lavoriamo senza troppa energia la miscela, più grumi ci sono migliore sarà il risultato della tempura.
  • Mentre l’olio di semi è caldo, abbiamo unito alla pastella freddissima delle nocciole mortarelle irpine sbriciolate.
  • Ci abbiamo passato gli scampi che abbiamo fritto pochissimi minuti. Perfetti, scenici, gustosi, croccanti, in questa tempura al profumo e al sapore di Irpinia, giallo sole, con le migliori nocciole avellinesi.
  • Mentre lo scampo è ancora caldo abbiamo decorato la tartina, aggiungendo al pane spalmato di patè di tonno rosso questa tempura di crostacei vagabonda, così diversa dal solito ma piena di sorprese.
  • Un prosecco ghiacciato a fare da contorno a questo finger food fantasioso e di qualità completerà un aperitivo speciale, un viaggio tra sapori ed emozioni.
Vota:
1 Stelle2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (No Ratings Yet)
Loading ... Loading ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Iscriviti alla Newsletter per ricevere le nostre esclusive ricette!